BRUNA e FABRIZIO – Bouganville, così è se vi pare

Sullo sfondo del castello di Donna Fugata, tra mito e leggenda, due sposi, dopo aver superato le insidie del Disco-labirinto, si riscoprono in nuovi equilibri. 

Questo nuovo “meraviglioso” mondo come quello di Alice ci appare inconsueto. Petali diventano piume, rossi coralli abbandonano l’azzurro del mare per far da cornice al volto della sposa, incastonati alla base del volto tra ricce chiome dorate. Un grande bianco immacolato come neve sbrilluccica in contrasto con il caldo color ocra delle mura del castello che diventano un tutt’uno con la terra. L’orizzonte è disegnato dal verde della tipica vegetazione mediterranea sopra al quale svettano di tanto in tanto ventagli di alte palme. 

L’alto e il basso, il su e il giù e su tutto questo, come equilibrio delicato appena ritrovato, il color Magenta delle bouganville. Particolare la scelta di questo fiore che è dato da un’alterazione del colore delle sue foglie. Infatti il vero fiore della pianta sono in realtà i 3 piccoli fiorellini bianchi che si trovano all’interno di quelle foglie, solitamente verdi, che hanno cambiato il loro colore in magenta.

Lo splendore catturato nelle foto di Davide Bonaiti con il sempre elegante e raffinato gusto di Alessia Santa non poteva passare inosservato, così la rivista Vogue Vanity Fair Wedding ha deciso di pubblicare il racconto di questo amore sul suo numero di Dicembre 2019 che sarà in edicola per tutto il 2020. 

2020-04-01T19:19:04+00:00